IMG0444

Vuoi essere sempre aggiornato?

iscriviti alla nostra Newsletter


facebook
instagram

facebook
instagram
Gruppo-Madelogo

© 2019 MOSCA PRECOMPRESSI srl

Contrada Palettieri, SNC 85028 Rionero in Vulture - Potenza

0972 715511 | info@moscaprecompressi.it

P.IVA: 00538430760

REA: PZ-58612

Capitale Sociale €115.000,00                                

24/06/2019, 11:23

tutorial, edilizia, fai da te, sverniciare, sverniciatore, vernice, stripgel



Come-sverniciare-superfici-in-legno,-ferro,-metallo,-cemento-e-muri


 Con l’arrivo delle belle giornate ci dedichiamo ai piccoli interventi di ristrutturazione come riverniciare porte, finestre, cancelli o ringhiere in ferro. Prima però, in alcuni casi, sarebbe opportuno procedere a una bella sverniciatura...



Con l’arrivo delle belle giornate ci dedichiamo ai piccoli interventi di ristrutturazione come riverniciare porte, finestre, cancelli o ringhiere in ferro. Le superfici verniciate risultano più facili da pulire, uniformi, impermeabili e resistenti all’invecchiamento, all’usura, ai graffi e alle abrasioni. Assumono inoltre, un particolare effetto a seconda del tipo scelto: lucido, satinato, opaco, ecc. A volte, però, capita di imbattersi in problemi di screpolatura o sfaldamento degli strati verniciati. Per rimediare a tale inconveniente, è opportuno procedere con la sverniciatura prima di procedere alla nuova verniciatura, in modo da eliminare i diversi strati di vernice fino ad arrivare al supporto nudo. Questa va eseguita con attenzione poiché, se la vecchia vernice non viene adeguatamente rimossa, la nuova finitura applicata su una base poco compatta potrebbe rischiare di staccarsi o creare fastidiosi rigonfiamenti.
CAMP consiglia di intervenire con STRIPGEL, lo sverniciatore universale in gel esente da solventi clorurati, della linea CAMP® Professional adatto per tutti i tipi di superfici in legno, ferro e metalli non ferrosi, muri e superfici in cemento. Ha un’elevata efficacia su vernici sintetiche, anche a più strati, vernici a olio, vernici alla nitrocellulosa, acriliche, poliesteri, poliuretaniche, epossidiche, guaine epossicatrame, smalti a freddo e a forno, idropitture e plastici murali, stucchi, collanti per moquette e parquet.

Come si utilizza?
È semplicissimo!:
  1. applicare STRIPGEL sulla superficie da sverniciare;
  2. attendere che agisca;
  3. rimuovere tutto con una spatola.
Ora si che hai una bella superficie da verniciare!

Facci sapere nei commenti se l’articolo ti è stato utile, se hai utilizzato il prodotto scrivici come è andata. 
Iscriviti alla nostra newsletter e continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato!
Grazie per averci dedicato un po’ del tuo tempo.
A Presto,
MOSCA Precompressi
13/06/2019, 12:11

silicone



Come-applicare-il-silicone


 Avete mai applicato il silicone? Ecco alcuni suggerimenti per applicarlo al meglio!



Avete mai applicato il silicone? Ecco alcuni suggerimenti per applicarlo al meglio!
Occorrente:
-Silicone
-Pistola per l’applicazione;
-Nastro adesivo di carta;
-Taglierino.
  1. Pulire per bene la superficie rimuovendo eventualmente il vecchio silicone;
  2. Utilizzare il nastro adesivo per delimitare l’area in cui verrà applicato il silicone;
  3. Procedere con la pistola mantenendo un angolo di circa 45° fra il beccuccio del silicone e la superficie da sigillare; (se non avete mai usato il silicone vi consiglio di provare prima su un cartoncino in modo da avere una maggiore confidenza)
  4. Inumidire un dito e farlo scorrere velocemente lungo tutta la linea, in modo da rendere il prodotto uniforme, ben modellato e da rimuovere il silicone in eccesso;
  5. Tirare via il nastro in modo da rimuovere il silicone depositato su di esso. 
Congratulazioni! A questo punto avete il silicone applicato in maniera precisa e pulita. Ovviamente lasciate asciugare per bene.

Facci sapere nei commenti se l’articolo ti è stato utile, iscriviti alla nostra newsletter e continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato!
Grazie per averci dedicato un po’ del tuo tempo.
A Presto,
MOSCA Precompressi
05/06/2019, 18:48

silicone, edilizia



Quale-silicone-usare?


 -Ciao, vorrei una cartuccia di silicone-Certo, quale?(Panico sul volto del cliente)



-Ciao, vorrei una cartuccia di silicone
-Certo, quale?
(Panico sul volto del cliente)

Potrebbe apparire strano, ma non esiste un solo tipo di silicone, e non è solo una questione di marchi.
Possiamo dividerli in:
  • acetico;
  • acrilico;
  • neutro.
Il sigillante acetico è elastico e non è possibile riverniciarlo dopo l’indurimento. Ideale per operazioni di sigillatura di ceramica, piastrelle, alluminio, bagni e cucina; sicuramente utile, inoltre, per fissare delle mensole al muro, per sigillare il box doccia o per fermare gli spifferi d’aria provenienti da una finestra.

Per sigillare o incollare del materiale poroso è consigliato l’uso del silicone acrilico, studiato appositamente per l’utilizzo su materiali edili, cartongesso, pavimenti e terrazzi. Solitamente il silicone acrilico può essere verniciato una volta asciutto.

Il silicone neutro universale, è studiato per le operazioni di sigillatura e incollaggio di superfici più delicate quali legno, PVC, policarbonato, vetrate e specchi. 

Questo in linea di massima. In realtà poi, ogni azienda, perfeziona diversi siliconi in base all’utilizzo che ne deve essere fatto, come ad esempio il Mapesil AC (disponibile in 34 colori differenti per renderlo più facilmente abbinabile agli stucchi Mapei) o il Mapeflex MS Crystal (dalla trasparenza cristallina; abbiamo pubblicato un video sulla nostra pagina Facebook che lo mostra in diverse sfide).

Quindi il nostro consiglio, se siete indecisi, è sempre quello di chiedere consigli ed informazioni prima di acquistare "una cartuccia di silicone".

Facci sapere nei commenti se l’articolo ti è stato utile, iscriviti alla nostra newsletter e continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato!
Grazie per averci dedicato un po’ del tuo tempo.
A Presto,
MOSCA Precompressi


1
Create a website